Unipa |Senato Accademico: i Corsi di Recupero 2013/14 non verranno svolti, viene meno l’impegno preso dell’Ateneo.

Nella delibera del Consiglio di Amministrazione del 17 Giugno 2013 fu proposto e approvato l’inserimento di una tassa specifica per studenti Fuori Corso sotto la denominazione “Contribuzione aggiuntiva per Studenti Fuori Corso”.

Fino allo scorso anno i Corsi di Recupero per studenti fuori corso erano inseriti una programmazione quinquennale di finanziamenti prevista del MIUR per le attività di tutoraggio.

Poiché dall’A.A. 2013/14 non era più possibile accedere a tali finanziamenti del MIUR si era pensato in sede di Consiglio di Amministrazione d’istituire una specifica tassa al fine di garantire l’attività di supporto agli studenti Fuori Corso.

L’Ex Rappresentante degli Studenti in Consiglio di Amministrazione Antonino Caramazza, presente al momento dell’approvazione della delibera del 17 Giugno 2013, nella discussione derivata dalla proposta della “Contribuzione aggiuntiva per Studenti Fuori Corso” si era battuto per il mantenimento dei Corsi di Recupero per studenti Fuori Corso per gli A.A. 2013/14 e 2014/15.

delibera

L’Ateneo si era quindi IMPEGNATO – com’è possibile leggere dalla delibera – a svolgere con la sovvenzione della tassa denominata “Contribuzione aggiuntiva per Studenti Fuori Corso”, non solo l’attività di tutorato per le cosiddette “Materie Scoglio”, ma anche i corsi di recupero per studenti fuori corso negli A.A. 2013/14 e 2014/15 (su questo link la delibera completa  http://portale.unipa.it/amministrazione/area1/ssp10/.content/file_pdf_nuovo_sito/CdA-31-17_6_2013.pdf)

Oggi sembra essere venuto meno tale impegno, anche se ci auguriamo che la posizione del Rettore – secondo il quale i corsi di recupero sino ad ora svolti hanno portato alla laurea più di 11mila studenti e che il problema dello smaltimento dei Fuori Corso non sia più primario, motivo per cui è possibile sostituire con i soli Tutorati Specializzati l’attività dei supporto/prevenzione degli studenti Fuori Corso – emersa dalla risposta all’Interrogazione presentata oggi in Senato Accademico possa essere rivista

Riteniamo che il mancato svolgimento dei corsi ovvero il venir meno a un impegno preso nei confronti della rappresentanza studentesca sia di notevole gravità da parte dell’Amministrazione. Anche perché  agli studenti che si troveranno ad iscriversi al 2° anno  Fuori Corso nell’A.A. 2014/15 sarà chiesto il pagamento di una tassa che – a questo punto – servirà a finanziare soltanto le attività di Tutorato Specializzato aperte a TUTTI gli studenti in accordo con questa tabella:

 tabella

Si ringrazia per la comunicazione il Rappresentante degli Studenti in Senato Accademico, Pasquale Pillitteri.

Be the first to comment

Leave a Reply