TRASPORTO PUBBLICO GRATUITO PER GLI IDONEI DI BORSA DI STUDIO – APPROVATO L’EMENDAMENTO ALL’ARS

Alla luce della proposta sul Trasporto Pubblico, presentata dai nostri Rappresentanti, Saverio Di Caro in Senato Accademico e Adele Nevinia Pumilia in Consiglio di Amministrazione , è stato approvato ieri in V Commissione “Cultura,Formazione e Lavoro” l’emendamento per rendere gratuito il trasporto agli idonei alla Borsa di Studio. (In allegato la proposta e l’emendamento)

Soddisfatti i rappresentanti del risultato ottenuto poiché la proposta è prettamente indirizzata agli studenti e al contempo al territorio, dando un grande contributo alla città di Palermo. L’università,grazie a tale proposta, si colloca tra i primi Ateni italiani insieme a Catania e Firenze. 

“Il nostro obiettivo è rappresentare gli studenti e dunque ascoltare le loro istanze, creando così maggiori possibilità e rendendo questa università a misura di universitario ” – affermano Adele e Saverio.

Questo è stato un impegno che i nostri rappresentati hanno preso insieme ai rappresentanti degli altri Atenei siciliani, in modo da far valere le proprie idee su tutto il nostro territorio:

“È stato approvato in commissione Cultura, Formazione e Lavoro l’emendamento, proposto dall’On. Michele Catanzaro, al disegno di legge sul Diritto allo Studio che prevede la gratuità, per tutti gli studenti idonei alle borse di studio, del trasporto pubblico locale nelle sedi delle università siciliane.
Questo diritto è stato da sempre oggetto di battaglie portate avanti dalle associazioni Intesa Universitaria e Unixcento di Palermo, Kampus di Enna, Arcadia, La Finestra, Nike e Actea di Catania e Univ. Eclettica di Messina.
Siamo soddisfatti che la nostra proposta sia stata inserita nel disegno di legge, attualmente in discussione nella commissione presieduta dall’On. Sammartino che ha condiviso l’iniziativa diventando primo firmatario di una proposta che aumenta le risorse destinate al trasporto degli studenti del 30% rispetto all’anno precedente, proposta che è stata poi approvata all’unanimità. L’emendamento – affermano le associazioni – da una parte, sancisce finalmente l’istituzione di un nuovo diritto per gli studenti svantaggiati e meritevoli, dall’altra incentiva il trasporto pubblico come alternativa all’automobile, rappresentando una soluzione sostenibile in materia di politiche di mobilità urbana con indubbie ricadute positive sull’ambiente. Ci sembra doveroso ringraziare – concludono le associazioni – l’assessore Lagalla e i membri della Commissione che a vario titolo hanno supportato le nostre istanze”.