Senato Accademico – Rimborso II rata laureandi Luglio – Richiesta modifica Accesso Specialistica

senatoaccademico

Comunicazioni:
- Dimissioni del Direttore Generale Dott.ssa Mezzaglia, per assoluti motivi personali;

-Dimissioni della Senatrice Accademica Sara Valenti ed insediamento di Domenico Bonanno e nomina nella Commissioni istruttorie.

Interrogazioni:

Il Senatore Accademico, Tommaso Mancuso, porta all’attenzione del Magnifico Rettore, Prorettore e i signori componenti del senato tutto due interrogazioni:

La prima, riguarda l’estensione dell’ esonero del pagamento della seconda rata delle tasse per i laureandi che al più devono sostenere l’ultimo esame entro la sessione di MARZO e laurearsi nella prima sessione utile di luglio, e quindi, la richiesta da parte nostra, dell’estensione di questa premialità anche per coloro che abbiano usufruito come ultimo appello utile prima della sessione di laurea estiva, la sessione di APRILE, poichè lo riteniamo doveroso, considerato che questi studenti, in ogni caso, non utilizzeranno la sessione di esami di luglio.

Tale interrogazione seguirà il percorso in CdA e la nostra Elena Lentini, consigliere di amministrazione, porrà anche all’attenzione del organo preposto, nella speranza di un esito celere e positivo.

Qui, l’interrogazione ufficiale posta al SENATO ACCADEMICO.

Qui, il documento già esistente sulle varie PREMIALITA’ ed ESONERI che potete richiedere.

La seconda, riguarda la richiesta di abbattimento della soglia del voto di laurea, della media delle materie caratterizzanti,  sia per laureandi che per laureati, per essere assolti dall’obbligatorietà di una prova scritta o orale per l’accesso alla magistrale (specialistica) dei corsi di laurea ad accesso non programmato.

Qui, l’interrogazione ufficiale posta al SENATO ACCADEMICO.

Di seguito, l’articolo di legge che ripercorre diritti e doveri sul punto in questione:

Art.6, comma 2 del D.M. 270/04

“Per essere ammessi ad un corso di laurea magistrale occorre essere in possesso della laurea o del diploma universitario di durata triennale, ovvero di altro titolo di studio conseguito all’estero, riconosciuto idoneo. Nel caso di corsi di laurea magistrale per i quali non sia previsto il numero programmato dalla normativa vigente in materia di accessi ai corsi universitari, l’università stabilisce per ogni corso di laurea magistrale, specifici criteri di accesso che prevedono, comunque, il possesso di requisiti curriculari e l’adeguatezza della personale preparazione verificata dagli atenei, con modalità definite nei regolamenti didattici. L’iscrizione ai corsi di laurea magistrale può essere consentita dall’università anche ad anno accademico iniziato, purchè in tempo utile per la partecipazione ai corsi nel rispetto delle norme stabilite nei regolamenti stessi.”

Tale interrogazione passa nelle mani del Prorettore, Prof.ssa Laura Auteri, la quale invita il componente del senato, Tommaso Mancuso, al tavolo di discussione per il prossimo anno e per l’inizio della discussione con i corsi di laurea poichè verranno invitati a formulare tali modifiche con il C.U.N. che dovrà approvare secondo gli iter canonici queste ultime, per l’anno accademico 2017\2018, tempi obbligatori per rivedere il regolamento didattico di ateneo in concomitanza con gli enti nazionali e di ateneo preposti.

A seguire, da questo articolo porremo all’attenzione le richieste di modifiche (qui la richiesta originaria del CdS di qualche mese fa) per il Calendario Didattico ed eventuali news in corso.

 

INTESA UNIVERSITARIA

UNI%CENTO

UDU

RUM