Il progetto avanzato dell’Università del Colorado presentato al congresso Asco a Chicago. Si basa su un sensore bio-elettronico composto da nanoparticelle in grado di distinguere, nell’aria soffiata dentro un palloncino, le molecole caratteristiche delle neoplasia. Una rivoluzione per i tempi della diagnosi e per i costi.